Vitiligine e fattori genetici

Indice

La vitiligine è un disturbo poligenico e multifattoriale, che riflette i contributi simultanei di molteplici fattori di rischio genetici e fattori scatenanti ambientali.

Studi su larga scala, principalmente in bianchi di origine europea e in cinese, hanno riscontrato circa 50 diversi geni. Questi geni contribuiscono al rischio di vitiligine e anche ad altre malattie autoimmuni.

Una grande quantità di questi geni è coinvolta nella regolazione immunitaria, molti altri giocano un ruolo nell’apoptosi cellulare (morte programmata di una cellula) e altri ancora sono coinvolti nelle funzioni di regolazione dei melanociti.

Per quest’ultimo gruppo, sembra esserci una relazione opposta tra suscettibilità alla vitiligine e suscettibilità al melanoma. Questo suggerisce che la vitiligine può attivare un normale meccanismo di sorveglianza immunitaria per il melanoma.

Mentre molti dei meccanismi biologici specifici attraverso i quali questi fattori genetici operano per causare la vitiligine rimangono da chiarire.

Vitiligine e genetica correlazione

La base genetica della vitiligine è fortemente intrecciata con la base genetica di altre malattie autoimmuni alle quali la vitiligine è epidemiologicamente associata.

In effetti, il primo indizio sull’origine autoimmune della vitiligine è venuto nel rapporto originale del 1855 del morbo di Addison.
Esso includeva un paziente con insufficienza surrenalica idiopatica, vitiligine generalizzata e anemia perniciosa, una concomitanza di malattie autoimmuni che suggeriva fattori eziologici.

Successivamente, la concomitanza di diverse malattie autoimmuni, inclusa la vitiligine, è stata segnalata da molti ricercatori e le combinazioni chiave di malattie autoimmuni concomitanti sono state successivamente codificate.

Numerosi ricercatori hanno da documentato la correlazione della vitiligine con varie altre malattie autoimmuni.
In particolare:

  • la malattia autoimmune della tiroide
  • l’anemia perniciosa
  • il morbo di Addison
  • lupus eritematoso sistemico
  • artrite reumatoide
  • diabete mellito di tipo 1
  • esordio nell’età adulta e forse psoriasi

Di particolare importanza, queste stesse malattie autoimmuni associate alla vitiligine si verificano anche con maggiore frequenza nei parenti di primo grado di probandi di vitiligine che non hanno la vitiligine.
Indicando, dunque, che queste malattie autoimmuni condividono almeno alcune delle loro basi genetiche con la vitiligine.

vitiligine e fattori genetici

Vitiligine e genetica gli studi

Il disturbo della vitiligine fu descritto per la prima volta da Claude Nicolas Le Cat nel 1765.
Tuttavia, la prima considerazione specifica di una componente genetica nella vitiligine non arriva prima del1950, quando Stűttgen e Teindel riportarono un fattore genetico in otto famiglie con parenti multipli affetti da vitiligine.

Stűttgen ha notato che nella sua famiglia, la vitiligine sembrava mostrare un’ereditarietà dominante.
Dopo il matrimonio misto con una famiglia con apparente malattia tiroidea recessiva, ha riscontrato la vitiligine in forma precoce.
Questo riscontro ora sarebbe considerato come un’ereditarietà complessa.

Altri scienziati hanno successivamente riportato in coppie di gemelli omozigoti sintomi della vitiligine, indicando un ruolo importante per i fattori genetici.

Le prime serie di casi clinici hanno riportato una frequenza di vitiligine nei parenti dei primi individui esaminati dall’11 al 38%.
Questo ha evidenziando l’importanza dei fattori genetici anche nei casi tipici di vitiligine.

Tuttavia, gli studi genetici sulla vitiligine sono arrivati molto più tardi.
Hafez e Das hanno suggerito una modalità di eredità poligenica e multifattoriale e hanno stimato l’ereditarietà della vitiligine dal 46% al 72%.

Anche le indagini successive hanno supportato un modello poligenico e multifattoriale, con ereditabilità di circa il 50%.
Uno studio gemello sulla vitiligine nei bianchi di origine europea ha riportato che la concordanza della vitiligine era del 23% nei gemelli monozigoti, sottolineando l’importanza dei fattori non genetici e dei fattori genetici nella patologia della vitiligine.

In questo stesso studio, analisi epidemiologiche genetiche su larga scala hanno dimostrato che nei bianchi di origine europea, la frequenza complessiva della vitiligine nei parenti di primo grado dei probandi era del 7%.

Contattaci

Il nostro centro a Milano si avvale di medici specializzati in Psoriasi, dalla comprovata esperienza. Chiamaci per saperne di più!

Altre Notizie
Scrivi alla
Dott.ssa Marina Fantato


    dott.sa fantato vitiligine

    Ciao,
    Hai mai ricevuto una diagnosi Vitiligine?

    Io: No

    Io: Si

    Un tuo familiare soffre di Vitiligine o ha mai manifestato i sintomi compatibili con la Vitiligine?

    Io: No

    Io: Si

    Hai delle chiazze bianche in zone particolari quali viso, cuoio capelluto, zona lombare, gomiti, ginocchia, palmi di mani, e piedi?

    Io: No

    Io: Si

    Gentile utente, grazie per avere compilato il questionario. In base alle tue risposte ti consigliamo di lasciare la tua email per essere ricontatto da un nostro esperto.

    Gentile utente grazie per aver compilato il questionario. In base alle tue risposte non ha evidenziato problemi di Psoriasi. Se ritieni che la tua patologia non sia controllata bene, ti consigliamo di lasciarci la tua email per essere ricontattato da un nostro esperto.